Storaro lavorò per ben due volte con Marlon Brando la prima volta ne l’Ultimo tango a Parigi e la secondo in Apocalisse Now, riuscendo a cogliere il tormento di Paul e la lucida follia di Krutz.